La Depressione

La depressione è tra le prime cause di disabilità in Europa, e sta scalando velocemente la classifica. Secondo gli psicologi la tendenza suggerisce che tra una vent'anni sarà al primo posto, superando le malattie cardiache.
Ma
cos'è la depressione?
Cerchiamo di capire un po’ meglio di cosa si tratta.
La diagnosi di depressione prevede sintomi quali la
tristezza, la perdita di interesse, l’incapacità di provare piacere, la difficoltà nelle situazioni sociali, i problemi di memoria e concentrazione, e una bassa autostima. Chi è vittima della depressione può sentirsi distaccato da tutto e tutti, e può arrivare a passare la propria vita a letto, come imprigionato.
depressione psicoterapeuti roma

Le cause della depressione non sono chiare. Oltre alle ipotesi genetiche, alcune delle teorie prendono in considerazione la storia del paziente, spiegando ad esempio i sintomi come dovuti ad una incapacità del soggetto di prevedere cosa accadrà (supponiamo ad esempio a causa di genitori imprevedibili) che si diffonde alla totalità della personalità e diventa una incapacità appresa del soggetto portandolo appunto ai sintomi di cui sopra.
Altre teorie descrivono la
depressione come una forma di difesa da angosce troppo grandi, che se sperimentate potrebbero portare al definitivo crollo psichico. Secondo quest’ultima teoria ad esempio è importante che nella terapia sia possibile elaborare le origini delle esperienze di perdita della persona depressa.
Altre teorie sostengono che la
depressione sia una conseguenza ad un adattamento troppo stretto alle richieste dei genitori, che impedisce l’espressione della personalità, portando ad essere troppo accondiscendenti, in maniera depressa appunto. Questo atteggiamento rende particolarmente difficili le relazioni di queste persone, dato che nasconde una diffidenza profondissima. L’esperienza ha mostrato loro che non possono essere sé stessi.

depressione psicologi roma

Gli psicologi prendono inoltre in considerazione anche cause organiche, come malattie cerebrali o squilibri ormonali. Anche l'alimentazione sembra avere un ruolo. Ad esempio una recente ricerca mette in evidenza come chi mangia determinati cibi ha meno rischi di avere la depressione.
Spesso oltre alla
psicoterapia si prescrive una cura farmacologica, e sembra addirittura che sarà presto possibile, attraverso moderne indagini strumentali cerebrali (PET), stabilire se per una persona sia più indicato un rapporto terapeutico con lo psicologo o una terapia farmacologica. La miglior soluzione rimane spesso un approccio globale.
Di certo le conoscenze sul "
male oscuro" sono ancora troppo scarse, ma sappiamo che la psicoterapia è una delle armi più efficaci contro la depressione. Diversi studi hanno provato l'efficacia di vari tipi di psicoterapia.
Infine qualche curiosità:

  • i cibi "antidepressivi" sarebbero ad esempio il pesce (trota, salmone, tonno), i legumi, le noci, la carne, i fagioli e le uova.

  • i rapporti sessuali occasionali aumenterebbero il rischio di depressione.

  • stipulare un'assicurazione sanitaria diminuisce il rischio di depressione

  • in Inghilterra con 10 sterline è ora possibile effettuare un test per sapere che probabilità si ha di avere la depressione post-partum

  • sta riacquistando importanza un vecchio consiglio, ovvero quello di fare del movimento. E' ormai noto il valore antidepressivo dell'attività fisica.


Condividi



torna agli ultimi articoli
torna su
torna a di cosa mi occupo
torna alla pagina iniziale