Come capiamo le emozioni degli altri?

Nella vita psicologica di tutti noi è di fondamentale importanza capire le emozioni e le intenzioni delle altre persone, perché ci permette di "rispondere" nel modo adatto.

capire-gli-altri

Ma come è possibile farlo?

Circa vent'anni fa i ricercatori italiani (il gruppo di ricerca di Giacomo Rizzolatti) scoprirono un particolare tipo di neuroni che ha un comportamento singolare. Questa classe di cellule si attiva sia quando compiamo un’azione sia quando osserviamo un'altra persona compiere un gesto orientato a uno scopo. Gli scienziati diedero l'evocativo nome di "
neuroni specchio" a queste cellule.

In breve il funzionamento di questi neuroni ci consente di ricreare dentro di noi l'azione che stiamo osservando, consentendoci di
"capire" come si senta la persona che stiamo guardando. Si tratta quindi di una sorta di bussola emotiva, che permette l'interazione sociale, fornendo uno strumento prezioso per "leggere le menti degli altri". 

neuroni-specchio

Gli psicologi stanno ottenendo risultati promettenti per risolvere veri e propri enigmi legati ad esempio a patologie come l’autismo e la schizofrenia, che sembrano sempre più legate a deficit nei sistemi neuronali a specchio.

I ricercatori sono convinti che lo sviluppo di questa funzione del cervello sia stata fondamentale, 40.000 anni fa, nel consentire agli esseri umani di fare un balzo evolutivo enorme nella  struttura cerebrale, che era rimasta la stessa per i 200.000 anni precedenti.


Condividi



Google

Trovaci su Google+


torna agli
ultimi articoli

torna
su